Entry: Pronti, attenti ... via! Nov 3, 2003



Il mio primo approccio all'interattività ed ipertestualità in rete, però, è stato "forzato", nel senso che mi è stato imposto da un esame universitario, il tanto temuto esame di informatica, lo "spauracchio" di tutti gli studenti di Scienze della Comunicazione di Perugia, dove parte della prova d'esame era costituita dall'ideazione di un ipertesto. Niente di impossibile ma sicuramente un problema per chi come me aveva acceso il computer per scrivere tesine o volantini con word, per disegnare con paint oppure per navigare in Internet nel tempo libero. Si trattava di procurarsi il programma e di iniziare a "spigettarci" su per cercare di capire come tirar fuori da una pagina bianca un prodotto multimediale interessante nei contenuti e tecnicamente accettabile. Adesso al pensiero di quanto fosse elementare mi viene da sorridere, allora mi sembrava di essere Bill Gates, solo per il fatto di saper creare un banale link! :)) Dopo aver capito come collegare le varie pagine e sfruttare alcuni espedienti tecnici non mi restava che convincere il prof ad accettarmi l'argomento: un ipertesto sull'educazione stradale.
Devo dire che non solo l'accettò volentieri ma decise di farmi unire ad altri ragazzi che avevano avuto la mia stessa idea per portare i nostri lavori in giro per le scuole di Perugia al fianco della polizia stradale! Se avessimo ottenuto i fondi in cui speravamo avremmo addirittura creato un CD-ROOM multimediale con una casa editrice da distribuire in tutte le scuole d' Italia, niente male per essere il mio primo esperimento informatico, non credete? :p
Probabilmente è anche grazie all'entusiasmo che avevo accumulato con quella esperienza che poi decisi di provare ad imparare ad usare altri programmi per creare ipertesti, questa volta un pò più professionali e che mi permettessero di pubblicare le mie pagine in rete.

Grazie ai suggerimenti di amici che si erano già improvvisati webmaster provai a creare anch'io il mio account in Tripod (http://www.tripod.lycos.it/), un servizio offerto da lycos (http://www.lycos.it/) per creare siti web. Tripod permetteva di scaricare gratuitamente un programma di impaginazione elettronica, Trellix, che non richiedeva la conoscenza dell'HTML, il noto linguaggio di programmazione usato per creare pagine web, e offriva uno spazio gratutito per poter pubblicare il nostro sito. Bastava, quindi, solo un pò di intuito e un pò di tempo per imparare a cavarsela con questi strumenti ed era tamente forte il mio desiderio di pubblicare qualcosa di mio in rete che non esitai a passare molte serate davanti al computer. Per chi mi avesse vista dall'esterno in quel periodo si sarebbe potuto parlare di alienazione ma per me non era affatto isolamento dal mondo semmai era, più che altro, l'inizio della scoperta di una nuova realtà, differente ma non certo limitante come molti "luddisti del computer" ci vogliono far credere.

   0 comments

Leave a Comment:

Name


Homepage (optional)


Comments